san-pellegrino

la-carbonara
Una tavola lunga un secolo, osteria con cucina dal 1906

 

facebook myspace

 

LA CARBONARA
via Panisperna, 214
00184 ROMA
tel. 064825176 

DOMENICA CHIUSO

 

  • ristorante001
  • ristorante002
  • ristorante003
  • ristorante004
  • ristorante005
  • ristorante007
  • ristorante008

Osteria - ristorante con cucina di piatti tipici romanesci al centro di Roma

Dal 1906 sull'erta di via Panisperna, al 214, i buongustai si danno appuntamento per assaporare la genuinità della buona cucina all'antica, di una Roma verace e amante dei sapori robusti, de noantri. E in questi giorni anche il nome di questa trattoria - casa per tanti clienti amici è trendy. 

La Carbonara ma, diversamente da quello che di primo acchitto si può pensare, il battesimo al locale non è stato dato dalla specialità del primo piatto romano più conosciuto nel mondo, ma dalla divertente coincidenza che la prima proprietaria e cuoca era moglie del carbonaio che aveva bottega giusto di fronte, in quei primi anni dello scorso secolo.

La famiglia Rossi ha un ruolo sociale di trattoria - bandiera; e col sorriso e la gustosità dei piatti ha conquistato un ruolo di punto d'incontro di giovani, ma anche i vip in incognito. Il motore di tutto è lei, Donna Teresa, mater familias, ma anche instancabile sperimentatrice di nuovi piatti che però non rinnegano il solco della tradizione.

Ad aiutare quella che in famiglia viene definita la Marescialla c'è in prima linea Giuseppe, il marito; allegri e confidenziali sono poi Rosy e Andrea, che sono cresciuti a "pane e ristorante", visto che mamma Teresa sono trentadue anni che sta dietro i fornelli, a dirigere lo stomaco di chi si fà ammaliare dai suoi appetitosissimi piatti.

Donna Teresa dà un tocco di originalità anche ai piatti più semplici, come i suoi superbi bolliti o quei girasoli che sposano il gusto di ricotta e noci e innovano la forma dei ravioli. Chi conosce ed è conosciuto, sa che il menù è un optional: perchè è la creatività della cuoca a governare, sperimentando... E, naturalmente, una megagalattica carbonara.

I secondi sono all'altezza: si và dal classico fritto vegetale, alle frattaglie "di una volta" fino al petto alla fornara con patate. Ah, le patate di Zi Terè: fatte come in casa, che ci fà un baffo alle pallide cugine surgelate che impazzano anche sulle tavole in casa.

Infine i dolci: quei delicati profiteroles, oppure le crostate di cioccolata o al limone. Non c'è neanche da precisarlo, tutte uscite dalle laboriose mani della Marescialla. E oggi più che mai, la Carbonara è il luogo con più nomination a Roma: complice Luigi Magni e il suo bel film, il connubio fra storia e gastronomia trova ancora una conferma.... appetitosa....

 

Annamaria Barbato Ricci
Giornalista